Salta al contenuto

Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia

Ti trovi in: [H] Home page > Cataloghi > Archivio musicale dei Ghetti e Campi

Archivio musicale dei Ghetti e Campi (1933-1945)

Introduzione

L’Archivio Musicale dei Ghetti e Campi (1933-1945) è stato realizzato da Paolo Candido e Francesco Lotoro ed è una filiazione dell’Archivio Unificato della Letteratura musicale concentrazionaria dell’Istituto Musica Judaica di Barletta, attualmente il più completo Archivio della musica composta presso tutti i Campi di prigionia, transito, concentramento, sterminio, Penitenziari militari e Stalags (Terzo Reich, Giappone, della Repubblica di Salò, regime di Vichy, Alleati, Unione Sovietica) in Europa, Asia e Nord Africa dal 1933 al 1945 scritta da musicisti Ebrei, cristiani di diverse confessioni, Sinti e Roma, geovisti, prigionieri civili senza specifica preparazione musicale, ragazzi deportati dalla Transnistria nei Campi di concentramento sovietici, soldati e ufficiali deportati presso Stalags, ecc. e altri gruppi sociali e religiosi discriminati durante la Seconda Guerra Mondiale.

L’Archivio consente a musicisti, studiosi e ricercatori del territorio di usufruire di tale materiale per studio, ricerca, preparazione di tesi di laurea specializzate, esecuzione concertistica. Le opere contenute nell’Archivio sono unicamente consultabili presso la Biblioteca Multimediale del Consiglio Regionale della Puglia "Teca del Mediterraneo" allo scopo di tutelare i diritti d’Autore come da leggi e norme vigenti (progetti@bcr.puglia.it - tel. 080 540 27 14).

torna su

Le opere dell'Archivio

L'Archivio contiene opere musicali di qualsiasi genere: produzioni liriche e sinfoniche, musica da camera, strumentale, pianistica, liederistica, leggera, cabaret, canti religiosi e popolari tradizionali, parodie di canti e musiche precedenti alla Guerra, opere giunte frammentate o ricostruite dopo la Guerra, musica postconcentrazionaria.

Il materiale musicale comprende scritti provenienti dai Ghetti di Polonia, Lituania, Cecoslovacchia e Bielorussia; da Theresienstadt; materiale musicale della Resistenza partigiana in Europa; materiale musicale scritto da musicisti italiani in Campi di concentramento; spartiti, partiture e parti staccate, frammenti, testi letterari (privi di testo musicale); una copia per ogni CD-volume dell’Enciclopedia discografica KZ Musik.

Per gentile concessione dell'etichetta Musikstrasse possibile scaricare alcuni brani tratti dal Vol.1 e Vol.3 della suddetta Enciclopedia KZ Musik ed eseguiti dal pianista Francesco Lotoro (i file sono in formato MP3):

torna su

Struttura e descrizione del Catalogo

Il catalogo dell'Archivio è liberamente consultabile e disponibile per il download (Catalogo dell'Archivio, formato PDF, 831 KB). Strutturato a cura degli autori, il catalogo è ordinato secondo le seguenti sezioni:

  • 00. Catalogo generale (alfabetico secondo Autori)
  • 01. Subcatalogo Ghetti
  • 02. Subcatalogo Campi
  • 03. Subcatalogo Autori (produzione musicale pre/postconcentrazionaria)

Ad ogni pagina musicale è associato un codice; tutti i codici associati a un’opera si trovano nella medesima riga associata ad Autore, Ghetto o Campo o Città (nel caso trattasi di produzione musicale pre/postconcentrazionaria), Tipologia strumentale. Un medesimo Autore può trovarsi sia nel Catalogo Ghetti o Catalogo Campi che nel Catalogo Autori (ma associato a materiale musicale differente) a seconda che la sua produzione sia anteriore o posteriore la deportazione. Il Catalogo Autori contiene altresì opere della letteratura scritta in memoria di un determinato evento concentrazionario. A diversi Ghetti, Campi e Autori è associato anche materiale fotografico.

L’Istituto Musica Judaica di Barletta ha realizzato l’Archivio Musicale in DVD con supporto cartaceo e informatizzato del Catalogo generale e subcataloghi.

torna su


Personalizza

occhio

Valori predefiniti

Impostazioni predefinite

Dimensioni caratteri

Testo a caratteri grandi Testo a caratteri molto grandi

Contrasto

Versione ad alto contrasto Versione ad alta visibilità

Regione Puglia | Consiglio Regionale

© 2004 Consiglio Regionale della Puglia
Ufficio Biblioteca e Documentazione

Contatti | Credits
Ultima modifica: 03-02-2007