Salta al contenuto

Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia

Ti trovi in: [H] Home page > Carta dei beni > Notizie generali

La Carta dei Beni 20ª edizione: notizie generali

Sommario | Impegni etici | Venti servizi | Tariffe | Notizie generali

L'edizione più recente della Carta dei Beni è consultabile a partire da questa pagina.

Teca del Mediterraneo è una gestione del Consiglio Regionale della Puglia articolata in due sezioni: 1) Biblioteca Multimediale & Centro di Documentazione; 2) Piazza Europa & Mediterraneo.

Teca del Mediterraneo ha come referente istituzionale l'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale della Puglia, la cui composizione e i cui recapiti sono consultabili nel Sito Web del C.R. (http://www.consiglio.puglia.it).

Teca del Mediterraneo è stata riaperta nel 1994, dopo una lunga fase di chiusura dovuta a varie cause, nella sede di Piazza Moro nº 41 in Bari. Dal 1996 è accessibile al pubblico esterno senza alcun tipo di restrizione, in conformità a quanto indicato nel manifesto UNESCO sulle biblioteche pubbliche. Dal 2002 opera nella nuova sede di Via Giulio Petroni nº 19/A in Bari, accanto al Palazzo del Consiglio Regionale, a pochi passi dal centro cittadino, dalle stazioni ferroviarie, dal terminal per l'aeroporto di Bari-Palese. A venti metri dalla sede sono allocati l'Hotel Excelsior Congressi (tel. 0805564366) e l'Hotel Orchidea (tel. 0805426943).

torna su

L'attuale sede di Teca del Mediterraneo si estende per circa 1.300 mq. su tre superfici (pianoterra, sottopiano, garage). Il piano terra è praticabile dai portatori di handicap motori; è inoltre munito di un montacarichi collegato con il sottopiano. La sede è caratterizzata da sei "spazi" significativi che scandiscono idealmente lo scorrere di una giornata di operosa attività, oltre ad un sesto "spazio" che richiama idealmente l'Europa e il Mediterraneo:

  • Sala Prima lux (alba): spazio ubicato nel sottopiano, dedicato alla didattica multimedialee e all'eventistica, attrezzato con nº 7 posti a sedere tutti con stazioni informatizzate riservate all'utenza e collegate ad un grande display digitale; la sala è inoltre dotata di lavagna luminosa, schermo bianco, lavagna a fogli mobili, televisore con lettore VHS. All'occorrenza la sala può essere preparata per contenere fino a nº 40 posti a sedere;
  • Sala Matutinum (mattino): spazio ubicato a pianoterra, dedicato alle riunioni e alle opere di consultazione (dizionari, enciclopedie, repertori, etc.), attrezzato con nº 19 posti a sedere, di cui nº 1 con stazione informatizzata riservata all'utenza. La sala è inoltre dotata di nº 1 televisore con lettore VHS e possibilità di ascolto in cuffia senza fili;
  • Sala Meridies (mezzogiorno): spazio ubicato a pianoterra, per la pubblica lettura di documenti in formato sia cartaceo che elettronico, attrezzato con nº 25 posti a sedere, di cui nº 5 con stazioni informatizzate riservate all'utenza per navigare in Internet e per altri usi e n° 3 stazioni riservate all’utenza per le ricerche nell’OPAC di Teca del Mediterraneo;
  • Sala Post meridiem (pomeriggio): spazio ubicato nel sottopiano, per la consultazione delle riviste periodiche, della letteratura grigia e delle banche-dati, attrezzato con nº 6 posti a sedere, di cui nº 1 con stazione informatizzata riservata all'utenza;
  • Saletta Occasus (tramonto): spazio ubicato nel sottopiano, per la consultazione dei fondi di pregio dell'IPSAIC, attrezzato con nº 4 posti a sedere, di cui nº 1 con stazione informatizzata riservata all'utenza;
  • Sala Piazza Europa&Mediterraneo, spazio ubicato nel sottopiano, centro info-documentale attrezzato con nº 4 posti a sedere, ove operano lo sportello UE “Europe Direct Puglia”, il punto di staff del progetto Interreg III di cooperazione bibliotecaria italo-albanese BiblioDoc-Inn, la redazione della webzine Terminus, il Segretariato Tecnico Regionale per la Convenzione sul futuro dell'Europa, il punto-antenna del Polo Euromediterraneo "J.Monnet".

torna su

In complesso, quindi, per i visitatori sono disponibili a vario titolo nº 64 posti a sedere e nº 18 stazioni informatizzate. Alle nº 18 stazioni informatizzate riservate all'utenza sono da aggiungere nº 24 assegnate agli operatori di Teca del Mediterraneo, in alcuni casi condivise con l'utenza: nº 1 presso la Direzione, nº 1 presso la Segreteria di direzione, nº 1 presso l'IPSAIC, nº 1 presso la Commissione Pari Opportunità, nº 2 presso il posto di reference, nº 1 presso l'Infopoint del C.R., nº 5 presso i dipendenti regionali in servizio, nº 7 presso gli operatori della Cooperativa Ninive e dell'Associazione Iride, nº 5 presso gli operatori di Piazza Europa&Mediterraneo. In complesso la LAN di Teca del Mediterraneo è così quantificabile:

Dotazione LAN di TdM
Tipo
Quantità
Stazioni informatizzate riservate all’utenza
18
Stazioni informatizzate assegnate agli operatori
24
Server [14]
3
Totale
45

Riguardo alla organizzazione dello spazio, Teca del Mediterraneo è organizzata in quattro aree. Nel pianoterra (lato destro per chi guarda lo stabile da via G.Petroni) trovano posto la Direzione di Teca del Mediterraneo, la Segreteria di Direzione con l'archivio amministrativo, l'IPSAIC, la Commissione per le pari opportunità della Regione Puglia, una saletta d'attesa, la sala Matutinum, i servizi igienici. Nel pianoterra (lato sinistro per chi guarda lo stabile da via G.Petroni) trovano posto i box portaoggetti, la barriera antitaccheggio, il posto di reference, la sala Meridies con l'Infopoint del C.R., nº 2 uffici, il deposito delle merci correnti, la fotocopiatrice e scanner on-line, la Server House, i servizi igienici. Nel sottopiano trovano posto i magazzini, i servizi igienici, nº 2 uffici, la sala Prima lux, la sala Post meridiem, la saletta Occasus, la Piazza Europa&Mediterraneo. Il garage è attrezzato per nº 6 posti-macchina, di cui nº 3 a disposizione di Teca del Mediterraneo e nº 3 di altre strutture del Consiglio Regionale.

torna su

Teca del Mediterraneo dispone di una rete di terminali telefonici e di account ufficiali per il traffico e-mail, sia ufficiali sia concessi in affidamento agli organismi che vi operano a vario titolo:

Recapiti telefonici e e-mail
Ufficio
Telefono
e-mail
Direzione
080 5402788
Segreteria di direzione
080 5402787 (anche telefax)
Istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea (IPSAIC)
080 5402712
Commissione Pari Opportunità della Regione Puglia
080 5402713
080 5402714
Aggiornamento collezioni
080 5402774
Redazione "Webzine"
080 5402715
080 5402716
Quotidiani
080 5402785
-
Infopoint del C.R.
080 5402772
Posto di "reference"
080 5402770
Riviste
080 5402710
Servizi logistici
080 5402771
-
Piazza Europa&Mediterraneo
080 5402759 (anche telefax)
Servizio di Delivery 080 5402711 delivery@bcr.puglia.it
Spazio riunioni e Grandi Opere (Sala "Matutinum")
080 5402784
-
Deposito merci e periodici ufficiali
080 5402775 (anche telefax)
-
Banche-dati
080 5402710
"Letteratura grigia"
080 5402710
-
Aula didattica multimediale (Sala "Prima Lux")
080 5402789
-
Indicizzazione (Cooperativa "Ninive")
080 5402711
-
Webmaster
080 5402711
Indicizzazione (Associazione "Iride")
080 5402716
-
Europe Direct Puglia
080 5402786
080 5402759
(anche telefax)
Polo Euromediterraneo J. Monnet
080 5402759 (anche telefax)
Staff Progetto BiblioDoc-Inn
080 5402759 (anche telefax)
Associazione “Amici di Teca del Mediterraneo”
080 5402716
AIB/Puglia (Associazione Italiana Biblioteche)
080 5402770

torna su

Il motto di Teca del Mediterraneo è: "LA CONOSCENZA ACCRESCE LE CAPACITÀ", a significare che l'assolvimento della missione assegnata alla nostra istituzione biblio-documentale contribuisce al benessere sociale attraverso il miglioramento delle abilità, delle capacità e delle occasioni degli individui, indotto dalla conoscenza [15].

L'attuale orario di apertura giornaliera al pubblico è di 9,5 ore senza soluzione di continuità (ore 09.00-18.30), con chiusura il sabato, i giorni festivi e l'intero mese di agosto. L'Infopoint è aperto fino alle ore 18.00. La consistenza delle visite "in loco", remote e al Sito Web viene monitorata ogni tre mesi nel Flash Report, consultabile nella sezione web.

Teca del Mediterraneo è articolata in nº 5 sezioni biblioteconomiche (identificate con l'iniziale B=Biblioteca e D=Documentazione), che raccolgono fondi biblio-documentali in vario formato (prevalentemente cartaceo ed elettronico):

  • Sezione "BM" (monografie e grandi opere)
  • Sezione "BL" (letteratura grigia) [16]
  • Sezione "BR" (riviste scientifiche)
  • Sezione "DEM" (riviste d'attualità e quotidiani)
  • Sezione "DE" (banche-dati sorgenti in loco o da remoto).

Nelle cinque sezioni operano collaboratori di varia provenienza:

  • dipendenti regionali;
  • operatori della Cooperativa di servizi culturali "Ninive" e dell'Associazione culturale "Iride";
  • volontari a titolo individuale.

Il curriculum del direttore di Teca del Mediterraneo è consultabile nell'apposita pagina di questo sito. Teca del Mediterraneo dispone dei principali periodici ufficiali, nonché di codici e repertori vari, grandi opere lessicografiche ed enciclopediche; è specializzata nei profili tematici di interesse per le Pubbliche Amministrazioni e per l'azienda pubblica in generale (amministrazione, diritto, economia e finanza, organizzazione e management, politiche pubbliche, politologia, etc.).

Teca del Mediterraneo sta implementando nº 3 archivi specializzati, consultabili anche on line, dedicati a:

  • "Attraverso lo spettacolo";
  • New Public Management;
  • ERSAP.

torna su

La consistenza del patrimonio biblio-documentale indicizzato in formato elettronico e recuperabile nel catalogo digitale generale (OPAC) viene monitorata ogni tre mesi nel Flash Report, consultabile nella sezione web.

Per l'implementazione dei propri fondi biblio-documentali Teca del Mediterraneo svolge un sistematico servizio di:

  • acquisizioni di novità tramite ricevimenti mensili in visione;
  • acquisizioni tramite scelta da listati digitali e bollettini cartacei;
  • acquisizioni sulla base delle schede di richiesta formulate dai visitatori;
  • acquisizioni tramite ordinativi diretti o dono/scambio.

Le operazioni di "data entry" e di "information retrieval" si basano su un potente software gestionale, leader nel suo genere. Nº 2 stazioni informatizzate ubicate nella sala Prima Lux sono dotate di specifiche periferiche per i visitatori con disabilità visiva (riconoscimento ottico, sintetizzatore vocale, ingranditore).

Le operazioni di "data entry" sono implementate tramite quotidiana e sistematica indicizzazione digitale elementare [17] (scheda catalografica, coerente con le norme RICA e con gli standard internazionali ISBD) e avanzata [18] (attribuzione a ciascun documento di termini del "Thesaurus Regionale Toscano"). I documenti indicizzati in formato elettronico possono essere recuperati consultando on line:

  • il catalogo digitale generale (OPAC), ausiliato da un motore che consente ricerche per autore, titolo, termine di thesaurus, parola-chiave, collocazione [19];
  • i cataloghi digitali settoriali relativi a:
    • Riviste periodiche (fondo chiuso e aperto) e quotidiani
    • Risorse elettroniche [20].

Teca del Mediterraneo dispone di collegamento della propria intranet alla rete Internet con tecnologia HDSL a velocità 4-6 Mb/s, con proprio router e collegamento ad un potente firewall per garantire la sicurezza.

torna su

Le sezioni web di Teca del Mediterraneo, attive nel sito web con dominio www.bcr.puglia.it, consentono di consultare le news, vari documenti afferenti il management, il catalogo digitale generale (OPAC), i cataloghi digitali settoriali, gli "spogli" (titoli analitici) effettuati su una lista di numerose riviste scientifiche selezionate fra quelle in dotazione, le nº 5 "Webzine" edite, i testi delle "partnership" attivate, gli atti di convegni e seminari di studio, immagini varie, le informazioni logistiche, tutte le attività e i documenti di "Piazza Europa & Mediterraneo" [21].

Teca del Mediterraneo partecipa al programma di implementazione dell'Archivio Collettivo Nazionale Periodici (ACNP). Teca del Mediterraneo è socio dell'Associazione "ESSPER", promossa dalla Libera Università Carlo Cattaneo di Castellanza e partecipa ai programmi di cooperazione interbibliotecaria in fatto di "spogli" e prestiti di riviste di diritto e di scienze sociali.

Teca del Mediterraneo promuove eventi culturali su argomenti vari. Ogni anno organizza un workshop aperto al pubblico su tematiche biblioteconomiche di attualità, nonché una rassegna di novità librarie sulla Puglia denominata “Percorsi identitari: la Puglia che scrive, che edita, che parla di sé”. Teca del Mediterraneo redige e pubblica sul WWW nº 5 bollettini elettronici tematici ("Webzine") in cui sono analizzati i fondi biblio-documentali acquisiti sui temi scelti. Teca del Mediterraneo realizza corsi di formazione e di aggiornamento professionale in biblioteconomia, in particolare per l'uso del software gestionale in dotazione e del sistema di indicizzazione avanzata tramite il Thesaurus Regionale Toscano, aperti anche alla frequenza gratuita di operatori di altre Biblioteche e Centri di documentazione, al fine di svolgere un ruolo di promozione della cultura biblioteconomica e informatica sul territorio; realizza altresì una attività sistematica di "training" per studenti iscritti ai corsi universitari e per i corsisti di centri e organismi che operano nella formazione professionale.

torna su

Teca del Mediterraneo partecipa quale "Partner Leader" alle azioni del programma dell'Unione Europea "Interreg III Italia-Albania" con propri progetti, finalizzati ad accrescere le potenzialità informative delle biblioteche, dei centri di documentazione e degli archivi albanesi e all'attivazione di scambi di esperienze sulle "buone prassi". La missione fondamentale di Teca del Mediterraneo è definita nel Regolamento del servizio di biblioteca e documentazione, approvato dall'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale nel 1995 e più volte aggiornato secondo le nuove necessità. Il management di Teca del Mediterraneo si basa su:

  • un Piano esecutivo di gestione (PEG), approvato annualmente dall'Ufficio di Presidenza del C.R., contenente la programmazione budgettaria delle attività;
  • un Documento direttore, sorta di “forecast” o “outlook” elaborato periodicamente dalla Direzione di Teca del Mediterraneo, contenente l’indicazione delle principali operazioni da realizzare per attuare il PEG ed altri documenti, in una con le eventuali priorità;
  • una Carta dei beni, vademecum elaborato semestralmente dalla Direzione di Teca del Mediterraneo , contenente notizie varie, indicazioni sull'uso dei beni (merci e servizi), sugli impegni etici e sulle tariffe;
  • un Flash report, elaborato trimestralmente dalla Direzione di Teca del Mediterraneo , contenente il monitoraggio delle principali attività, nonché dell'andamento delle visite;
  • un Rapporto sulla gestione, elaborato annualmente dalla Direzione di Teca del Mediterraneo , contenente il monitoraggio del profilo dei beni offerti e delle risorse (PRIMA PARTE), nonché dei visitatori in loco e remoti (SECONDA PARTE) [22];
  • un Tableau de bord, database aggiornato di continuo dalla Segreteria di direzione, contenente la rilevazione dei fondi e dei flussi finanziari, sia "effettivi" che "eventuali", sia correnti che di medio/lungo termine [23];
  • una Conferenza di Controllo Gestionale, "brainstorming" istituito con lo scopo precipuo di monitorare la gestione e di migliorare gli standards qualitativi delle attività svolte; la CCG si riunisce ogni tre mesi dopo la pubblicazione del Flash Report.

Quanto descritto costituisce il Sistema di prospettazioni e autoanalisi (S.p&a) operante presso Teca del Mediterraneo ; fatta eccezione per il "Tableau de bord", tutti i documenti sono universalmente consultabili nelle sezioni web di Teca del Mediterraneo.

In particolare, gli strumenti che supportano il “sistema di “Total Quality Management” implementato da Teca del Mediterraneo sono costituiti da:

  • Carta dei beni;
  • Carte “di Workflow” relative ai principali beni offerti;
  • Conferenza di Controllo Gestionale.

torna su

Per le proprie esigenze di manutenzione info-telematica Teca del Mediterraneo si giova con cadenza settimanale dell'assistenza in "outsourcing" della società consortile "Tecnopolis Novus Ortus" e, per le proprie esigenze biblioteconomiche, dell'assistenza quotidiana in "outsourcing" della Cooperativa di servizi culturali "Ninive" e dell'Associazione culturale "Iride". La progettazione e implementazione della "security" degli apparati info-telematici è affidata in "outsourcing" alla società consortile "Tecnopolis Novus Ortus"; le operazioni concernono essenzialmente:

a) il "backup" periodico su nastro dello "storage" effettuato sui server;
b) la prevenzione e contrasto della pirateria informatica;
c) il contrasto delle infezioni da virus informatici;
d) la regolazione del traffico sulle WS dell'intranet attraverso un "proxy server".

Teca del Mediterraneo ospita dal 1997 nella propria sede l'Istituto Pugliese per la Storia dell'Antifascismo e dell'Italia Contemporanea (IPSAIC), onde consentirgli di consolidare e sviluppare la propria benemerita opera di raccolta di archivi di pregio di interesse storico e meridionalistico, nonché le altre attività di studio, promozione culturale e ricerca.

Da aprile 2002 ospita altresì la Commissione per le Pari Opportunità della Regione Puglia, da settembre 2004 un punto-antenna del Polo Euromediterraneo “J.Monnet” e dall’aprile 2005 ospita l’antenna UE “Europe Direct Puglia”. Per fini di mutua collaborazione, Teca del Mediterraneo è altresì centro operativo di protocolli d’intesa stipulati con vari altri organismi.

Teca del Mediterraneo è inoltre sede delle attività di “stagisti” e di volontari accreditati a titolo individuale, che partecipano alle operazioni biblioteconomiche secondo programmi concordati. Teca del Mediterraneo è infine sede dell’Infopoint del Consiglio Regionale della Puglia.

torna su

NOTE

[14] I server sono dedicati:
- all'utilizzo di internet e al funzionamento in rete del Sito Web dell'Ufficio Biblioteca e Documentazione, del software gestionale Sebina Produx e dell'OPAC di Teca del Mediterraneo;
- alla distribuzione nell'intranet di Teca del Mediterraneo dei CD/DVD-ROM contenenti i full text digitali di alcune riviste e di alcuni periodici ufficiali (sistema Tatoo);
- alla gestione del servizio proxy http/ftp con trafic-shaping.
[15] Il motto si ispira all'insegnamento di Amartya K. Sen, filosofo morale e premio Nobel per l'economia. Nonché alla Costituzione della Repubblica Italiana: art. 3, comma 2.
[16] In questa sezione sono raccolte, fra l'altro, le sedute del Consiglio Regionale, in supporto VHS.
[17] Detta anche indicizzazione formale.
[18] Detta anche indicizzazione semantica.
[19] L'OPAC di Teca del Mediterraneo è parte integrante del METAOPAC specializzato delle Biblioteche dei Consigli delle Regioni (METAOPAC-MAICR), connesso al Metaopac Azalai Italiano (MAI) e di cui fanno parte all'attualità i C.R. di Puglia, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Toscana, Umbria. è possibile consultarlo all'indirizzo http://www.aib.it/aib/lis/opac1.htm, oppure http://www.parlamentiregionali.it.
[20] Questi cataloghi settoriali non sono supportati da un motore di ricerca; essi sono anche editi ogni quattro mesi in formato cartaceo e posti in libera consultazione nella sala Meridies.
[21] Il sito web è stato reso operativo e viene gestito dal Settore Biblioteca, Documentazione e Comunicazione Istituzionale del C.R. tramite prestazione in outsourcing. La home page del sito web consente la scelta di navigare in tre sezioni, relative ciascuna alle tre gestioni in cui si articola il Settore: la gestione di Teca del Mediterraneo, la gestione della Piazza Europa&Mediterraneo, la gestione della comunicazione istituzionale. L'indirizzo web della home page è http://www.bcr.puglia.it, mentre gli indirizzi web delle tre sezioni sono: http://www.bcr.puglia.it/tdm/home.htm
http://www.bcr.puglia.it/pem/home.htm
http://www.bcr.puglia.it/com/home.htm.
[22] Dal 1999 Teca del Mediterraneo svolge sistematicamente l'analisi del profilo dei propri visitatori attraverso collaudati strumenti di marketing conoscitivo, tutti operazionalizzati in formato elettronico.
[23] Il TdB costituisce un modulo del Datawarehouse in corso di implementazione presso Teca del Mediterraneo.

torna su


Personalizza

occhio

Valori predefiniti

Impostazioni predefinite

Dimensioni caratteri

Testo a caratteri grandi Testo a caratteri molto grandi

Contrasto

Versione ad alto contrasto Versione ad alta visibilità

Regione Puglia | Consiglio Regionale

© 2004 Consiglio Regionale della Puglia
Ufficio Biblioteca e Documentazione

Contatti | Credits
Ultima modifica: 07-10-2005