Salta al contenuto

Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia

Ti trovi in: [H] Home page > Partnership > Facoltà di Lettere e Filosofia

Accordi con la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Bari

In data 27 gennaio 1997 l'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale della Puglia e la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Bari hanno sottoscritto un protocollo d'intesa per l'effettuazione di attività di mutua collaborazione in materia di servizi biblioteconomici e documentali che ha coinvolto, sul piano operativo, oltre la Biblioteca Multimediale "Teca del Mediterraneo", il Diploma Universitario in operatore di beni culturali e documentalisti e l'Istituto di Epistemologia Informatica dell'Università.

Successivamente, in data 25 gennaio 2001, l'accordo relativo alle attività di mutua collaborazione fra la Biblioteca Multimediale "Teca del Mediterraneo" e il Diploma Universitario è stato ulteriormente rinnovato con stipula di un nuovo testo sottoscritto dal Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia e dal Direttore della Biblioteca Multimediale "Teca del Mediterraneo". Si riportano di seguito i testi dei due accordi.

torna su

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA
UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA EFFETTUAZIONE DI ATTIVITÀ DI MUTUA COLLABORAZIONE IN MATERIA DI SERVIZI BIBLIOTECONOMICI E DOCUMENTALI

Stipulato dalle parti in Bari il 22 gennaio 1997

Premesso

Che il Servizio di Biblioteca e Documentazione del Consiglio regionale della Puglia a termine di regolamento ha come finalità quella di fornire a quanti autorizzati gli strumenti informativi e di conoscenza utili per l'esercizio dell'attività istituzionale, ordinando il proprio patrimonio di interesse biblioteconomico e informativo in appositi fondi la cui inventariazione, catalogazione e collocazione sono interamente da codificare a mezzo di supporto magnetico secondo le regole del Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN), nonché tenendo i cataloghi informatizzati sempre aggiornati e disponibili per la consultazione da parte degli utenti;

premesso altresì

Che il corso di Diploma Universitario di Operatore dei Beni Culturali istituito presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Bari ha lo scopo di fornire un'adeguata conoscenza di metodi e contenuti culturali e scolastici orientati al conseguimento del livello formativo richiesto dalle aree professionali degli archivisti, dei bibliotecari, degli esperti dei beni storico-artistici, archeologici e mussali e degli operatori del restauro dei beni culturali, e che detto Diploma deve fornire agli allievi una formazione integrata teorico-pratica aggiornata per consentire l'accesso a strumenti adeguati per la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali;

preso atto

Del parere favorevole espresso sul presente protocollo d'intesa del Consiglio della facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Bari e dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale della Puglia

fra

il Presidente del Consiglio Regionale della Puglia dott. Mario De Cristofaro

e

Il Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Bari, prof. Francesco Tateo

si conviene quanto segue:

Art. 1

Il Consiglio Regionale della Puglia si impegna a consentire che i corsisti degli indirizzi beni librari e documentaristi iscritti al Diploma Universitario di Operatore dei Beni Culturali istituito presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Bari, accedano al sistema di gestione bibliotecario per micro e mini elaboratori"Sebina /Produx vers. 3.0", installato presso la Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia, sita in Bari, a fini di laboratorio tecnico-pratico e di migliorare la conoscenza di concreti ambienti di lavoro operanti nelle materie disciplinari del Diploma.

Art. 2

La Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Bari si impegna a fare si che l'accessione al sistema di gestione informatica della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia da parte dei corsisti del detto Diploma si concretizzi prevalentemente nella immissione dei dati ai fini di inventariazione, catalogazione e collocazione del patrimonio librario e documentale disponibile presso la Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia, ed in via secondaria nella effettuazione delle restanti procedure gestionali supportate dal sistema.

Art. 3

Le operazioni di inventariazione, catalogazione e collocazione informatica, nonché le restanti attività gestionali, di cui al precedente art. 2, sono da effettuare sempre e soltanto da corsisti accreditati sotto la vigilanza e con l'ausilio tecnico sia di un tutor, nominativamente indicato dalla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Bari, sia del personale in servizio presso la Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia.

Art. 4

Tutte le attività di inventariazione, catalogazione e collocazione del patrimonio librario e documentale effettuate attraverso l'uso del sistema gestionale informatico "Sebina Produx ver. 3.0" sono da implementare sempre e soltanto: 1) secondo programmi di progressione concordati fra le parti; 2) nel rispetto degli standards di cui ai vincoli bibliotewconomici introdotti da SBN, le cui specifiche sono fornite a cura del personale della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia.

Art. 5

Il Laboratorio di Epistemologia Informatica della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Bari si impegna a fornire alla Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia consulenza specifica in ordine allo sviluppo dei programmi di informatizzazione integrale della struttura, nonché dei progetti di sviluppo tecnologico nel settore delle applicazioni telematiche, anche di rete, purchè approvati dall'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale della Puglia.

Art. 6

La Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia si impegna a consentire in modo prioritario agli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Bari l'accesso, previa autorizzazione come da regolamento, alle proprie strutture, fondi biblioteconomici e banche-dati, in relazione alle esigenze didattiche e di ricerca connesse alla frequenza dei corsi di Laurea, di Diploma e di Specializzazione postlaurea.

Art.7

Le parti contraenti, per gli interventi di propria competenza, convengono sulla opportunità di sviluppare ulteriori forme di mutua collaborazione in campi di comune interesse bibliotecario, archivistico, storico-artistico, archeologico, museale e dei beni culturali in genere. Gli eventuali programmi di collaborazione sono in ogni caso da sottoporre all'approvazione dei rispettivi organi statutari.

Art. 8

Le parti contraenti convengono che tutte le attività contemplate nel presente protocollo d'intesa sono da effettuare in modo completamente gratuito

Art. 9

Il presente protocollo di intesa ha validità sperimentale fino alla scadenza della corrente legislatura regionale.

torna su

CONVENZIONE STIPULATA TRA LA FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA/CORSO DI DIPLOMA UNIVERSITARIO IN OPERATORE DEI BENI CULTURALI DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI E LA BIBLIOTECA MULTIMEDIALE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA "TECA DEL MEDITERRANEO"

Firmata in Bari in data 25 gennaio 2001

Premesso

Che la Facoltà di Lettere e Filosofia/Corso di diploma Universitario in operatore dei beni culturali dell'Università degli studi di Bari, nel prosieguo della presente convenzione denominata semplicemente "Facoltà", è rappresentata dal Preside prof. Francesco Tateo, nato in Mola di Bari il 3 gennaio 1931; che la Biblioteca Multimediale del Consiglio Regionale della Puglia "Teca del Mediterraneo", nel prosieguo della presente convenzione denominata semplicemente "Biblioteca", è rappresentata dal Dirigente responsabile dell'ufficio "Biblioteca e Documentazione" del Consiglio Regionale della Puglia dott. Antonio Waldemaro Morgese, nato in Mola di Bari il 7 dicembre 1945

Premesso altresì

Che la normativa che istituisce e regolamenta il Diploma Universitario di primo livello di operatore dei beni culturali stabilisce che l'attività didattica complessiva del D.U. comprende non meno di n° 1300 ore tra cui esercitazioni pratiche di laboratorio e tirocinio, nonché di apprendimento delle principali lingue d'uso;

che dette esercitazioni pratiche possono essere svolte all'interno o all'esterno dell'Università, presso qualificate istituzioni italiane o straniere con le quali si siano stipulate apposite convenzioni;

che il Consiglio del D.U. nella seduta dell'8/1/1998 ha stabilito che il tirocinio pratico applicativo per gli studenti iscritti al Corso di D.U. dovrà avere una durata minima complessiva di n° 300 ore;

che onde consentire l'effettuazione del predetto tirocinio si è considerato opportuno procedere al convenzionamento con qualificate aziende pubbliche o private individuate sul territorio;

che la Biblioteca ha manifestato la propria disponibilità alla stipula di apposita convenzione finalizzata ad accogliere presso le proprie strutture, ai fini didattici integrativi, gli studenti di cui sarà fatta espressa richiesta di anno in anno;

che gli studenti ammessi usufruiscono obbligatoriamente della copertura assicurativa I.N.A.I.L., a carico dell'Università degli studi di Bari, di cui all'art. 4 del D.P.R. 30 giugno 1965 n° 1124;

che l'art. 24 del D.P.R. n° 382/1980 prevede espressamente la possibilità per le Università di stipulare apposite convenzioni con Enti pubblici e privati, al fine di avvalersi di attrezzature e servizi logistici extrauniversitari per lo svolgimento di attività didattiche integrative a quelle finalizzate al completamento della formazione accademica professionale;

che gli studenti ammessi dovranno provvedere direttamente al loro mantenimento

Tutto ciò premesso

La Facoltà e la Biblioteca convengono quanto segue:

Le premesse di cui sopra costituiscono parte integrante della presente convenzione

Art. 1

Il tirocinio consisterà nella partecipazione degli studenti all'attività della Biblioteca. Il tipo e la misura della partecipazione saranno concordati con i tutori, il responsabile della Biblioteca e gli studenti. All'inizio di ogni anno accademico sarà concordato, compatibilmente con le esigenze della Biblioteca l'elenco nominativo degli allievi ammessi a frequentare la struttura convenzionata ed il relativo periodo di frequenza

Art.2

Durante il periodo di tirocinio il responsabile della Biblioteca o suo delegato dovrà controfirmare, esclusivamente ai fini della certificazione delle presenze e delle attività svolte, il diario personale dello studente

Art. 3

Nello svolgimento dell'attività di tirocinio, gli allievi ammessi dovranno osservare le norme contenute nelle leggi e nei regolamenti universitari. Nell'attività espletata nell'ambito della Biblioteca andranno osservati, altresì, le norme e i regolamenti vigenti presso quest'ultima e le disposizioni impartite dal suo responsabile

Art. 4

La presente convenzione ha la durata di tre anni accademici a decorrere dall'anno accademico 2000/2001

Art. 5

Le spese di bollo della presente convenzione, che non comporta oneri finanziari per entrambe le parti contraenti, sono a carico della Biblioteca e il Foro competente per ogni eventuale controversia è quello di Bari.

torna su


Personalizza

occhio

Valori predefiniti

Impostazioni predefinite

Dimensioni caratteri

Testo a caratteri grandi Testo a caratteri molto grandi

Contrasto

Versione ad alto contrasto Versione ad alta visibilità

Regione Puglia | Consiglio Regionale

© 2004 Consiglio Regionale della Puglia
Ufficio Biblioteca e Documentazione

Contatti | Credits
Ultima modifica: 16/11/04